Lorem ipsum gravida nibh vel velit auctor aliquet. Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum. Sofisticur ali quenean.

INSTAGRAM

TI RACCONTO IL MIO BLESSINGWAY

Metti insieme undici donne, da diverse città, con diversi orari lavorativi e i vari impegni familiari, riuniscile in una chat di gruppo di whatsapp e chiedigli di passare del tempo con te in una serata di Luglio per festeggiare il tuo Blessingway e otterrai una sfilza di messaggi con su scritto quanto segue: “Scusa, ma, Blessing che”???
Ecco, allora facciamo che questo nome inglese lo archiviamo per un attimo e alle amiche meno poliglotte spieghiamo che avresti piacere a festeggiare con loro, con una serata in riva al mare, questo ultimo periodo della tua gravidanza, perché senti che saranno le ultime settimane in cui vivrai ancora un po’ della tua individualità e anche se hai buona parte dei neuroni in acqua e gli ormoni galoppanti senti il bisogno di sentirti sostenuta in questa nuova avventura e chi può farlo meglio delle donne che più ami vicino a te?!
Donne con le Donne, Donne per le Donne.
La serata prescelta per la mia festa è stata così (per una pura coincidenza) una serata di luna piena e anche il giorno nel quale si festeggiava (in parte) l’onomastico della bambina che presto avrei abbracciato al cuore.
Avevo portato qualche candela con me, un telo rosso/arancione e una candela con un pensiero d’amore personalizzato per ognuna delle invitate, al resto hanno pensato tutto loro. Bevande, mangiare (hanno portato di tutto e di più, a testimonianza del fatto ho foto che mi ritraggono mentre mangio con gran voracità ogni singola prelibatezza) e doni, utili, pratici e simbolici (come un telo di mussola morbidissimo con il quale poi avrei avvolto alla nascita mia figlia, una collana con una pietra,…).
Io ho iniziato ad emozionarmi parecchio, ogni amica e parente era li per me, in una festa nella quale non avevano mica ben capito che cosa sarebbe successo, ma da li a poco tutte mi avrebbero seguita in quest’onda di emozioni.
Una delle mie ostetriche era li con noi e ci ha condotte in un viaggio fatto di introspezione, cura, attenzione e amore.
Ha così accompagnato ogni donna a regalare a sé stessa un attimo di pace in riva al mare alla ricerca di un sasso speciale, per poi donarmi con essi un percorso fatto di gesti, coraggio e forza, un percorso che mi ha accompagnata al centro più profondo del mio io, protetta da tutti i loro abbracci.
Sorrisi, lacrime, emozioni, canti, ricordi e poesie.
Il nostro cerchio è stato tutto questo e molto di più.
Ricordo ancora le parole che ogni Donna mi ha regalato mentre sceglieva con cura una perla da infilare nella mia “collana del travaglio”.
Una collana carica di tutte le sensazioni di questa magica serata, colma d’amore e di parole che ho ancora ben impresse nella memoria.
Quella collana mi ha accompagnata veramente durante il nostro travaglio, ogni tanto il mio sguardo si posava su di lei e come in un lampo ritrovavo l’abbraccio di ognuna di loro, le mie qualità viste attraverso i loro occhi e le benedizioni con cui hanno permeato ogni singola perla, per me…per noi.
I festeggiamenti sono così proseguiti gustando tutte le prelibatezze presenti, ridendo e conoscendo racconti di travaglio e parto positivi, molto utili per una mamma che si avvicina timidamente verso uno dei suoi più grandi viaggi.
Donne amatevi pazzamente, regalatevi un momento così intimo,profondo,spensierato,allegro e indimenticabile (e potete regalarvelo per qualsiasi momento vogliate della vostra vita, qualsiasi, dal menarca, ad un compleanno, alla menopausa, al superamento di una paura o ad una nuova presa di consapevolezza)
Regalatelo anche a tutte le Donne che amate.
Siate portatrici di novità, gioia, curiosità, coraggio, bellezza ed allegria.
Siate Donne. Siate Madri.